GDPR e servizi di messaggistica

Comodi e diffusissimi, i servizi di messaggistica istantanea sono piaciuti a tutti, sostituendo mail e SMS ed integrandosi con altri servizi: chiamate audio, video, sistemi di pagamento, in qualche caso anche di prenotazione: ad esempio in Cina non è insolito trovare al ristorante un menu con QR code, per cui si inquadra con WeChat e ci si trova il pasto al tavolo, già pagato attraverso la stessa app. Tuttavia si tratta anche di sistemi che mettono a rischio la privacy personale, tracciando tutto ciò che si fa, si consuma, i contatti più frequenti. Non parliamo poi di quando si chatta col medico: comodo per tutti, ma anche pericoloso in termini di riservatezza.

GDPR e sistemi di messaggistica

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *