Estorsione a mezzo GDPR

Certo, è un reato anche grave, ma a volte la fantasia di alcuni malviventi un minimo di ammirazione può suscitarla. Dopo avere bloccato i nostri PC con i criptovirus, alcuni criminali informatici hanno avuto l’idea di rubare alcuni documenti, minacciandoli di renderli pubblici in caso di mancato pagamento, così da innescare le sanzioni del GDPR. Infatti il motto dell’intera operazione è “pagate noi, che le sanzioni vi costerebbero di più!

Un nuovo attacco informatico chiama in causa il GDPR

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *