DPO interno o esterno?

Molte imprese ed Enti pubblici non vogliono spendere per un esperto (ed a volte fanno pure bene, dato che a volte ci sono DPO improvvisati a poco prezzo, che fanno più danno di un interno volenteroso e diligente) ed affidano quindi l’incarico di DPO ad un interno. Ma quando è consentito farlo – a parte le competenze specifiche – e quando si può creare un conflitto di interesse? Non è raro che il DPO coincida con il titolare, o con il suo rappresentante legale, se persona giuridica. Poiché il DPO deve aiutare il Titolare, c’è un evidente conflitto di interessi, trovandosi nella situazione di aiutare se stesso.

Il DPO: quando può essere interno e quando dev’essere esterno

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *