La Corte spia i lavoratori, il Garante frena

La Corte di Strasburgo apre al controllo dei lavoratori attraverso telecamere nascoste, al fine di tutelare il patrimonio aziendale. Il Garante comunque frena, dato che la sentenza è stata emanata a fronte di una situazione specifica e quindi, pur dando un indirizzo, non può essere automaticamente applicata a qualunque casistica. Bisogna valutare le circostanze, rispettare le specificità della legge italiana col suo statuto dei lavoratori, valutare la proporzionalità. In generale, il bilanciamento fra legittimo controllo e rispetto della privacy dei lavoratori è sempre difficile.

La Corte dei diritti umani apre al controllo attraverso telecamere nascoste

Il Garante italiano precisa i contorni della sentenza

I controlli dei lavoratori attraverso mezzi teconologici

I compiti del Garante

Print
Share

Un pensiero riguardo “La Corte spia i lavoratori, il Garante frena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *