Il CNIL perplesso su un trattamento dati sperimentale

La Francia ha presentato un disegno di legge per autorizzare l’analisi dei dati, raccolti da varie piattaforme WEB e Social, per aiutare l’Agenzia delle Dogane ed altri Enti governativi ad effettuare alcune valutazioni. Il CNIL, ovvero la Commissione per l’informatica e le Libertà, ha sollevato parecchi dubbi, dato che si tratta di un approccio molto impattante per le libertà ed i diritti individuali. Senza porre un veto assoluto, ha comunque richiamato ad una forte limitazione di questi trattamenti e alla messa in atto di misure adeguate per minimizzarne l’impatto e garantire la riservatezza e la finalità d’uso.

I dati desunti dal WEB richiedono attenzione

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *