Ancora sul riconoscimento facciale

Uno degli argomenti di maggiore attualità in tutto il mondo sembra essere quello del riconoscimento facciale, che sta diventando sempre più raffinato e pervasivo, comincia ad essere in grado di leggere le emozioni ed è quindi un grosso rischio per la libertà personale, dato che non piace a nessuno essere pedinato elettronicamente ovunque si vada. Per contro può essere oggettivamente uno strumento di sicurezza, anche se limitatamente. Pensiamo ad esempio all’attentatore che a Nizza aveva falciato decine di persone con un camion: lui abitava lì, andava e veniva da casa sua, quindi non ci sarebbe stato modo di prevenire l’attentato con un software di videosorveglianza, per quanto evoluto.

La UE al lavoro per una normativa sul riconoscimento facciale

In Cina si lavora per regolamentare il riconoscimento facciale nelle scuole

L’ICO apre un’inchiesta sul riconoscimento facciale a Londra

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *