Privacy e innovazione in campo medico

Se l’aspetto sanitario è particolarmente delicato in termini di protezione di dati personali, l’innovazione si nutre di dati, in tutti i campi, per cui è importante poter conciliare l’accesso ai dati – quando possibile anonimi o pseudonimizzati – per fini di ricerca scientifica con la riservatezza da assicurare alle condizioni di salute di un paziente. Il GDPR, rispetto alla previgente direttiva, ha dato ampio spazio alla ricerca, incoraggiandola a tutti i livelli, da quella più ufficiale e organizzata alla cosiddetta citizen scienze.

La privacy e la ricerca medica

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *