Troppi dati in mano ai dipendenti

Sarà un fatto di fiducia, sicuramente positivo, sarà invece trascuratezza e poca voglia di pensare, classificare, compartimentare, ma in un modo o nell’altro troppi dipendenti hanno accesso a troppi dati. E’ quanto risulta da un’analisi effettuata in imprese medio-piccole, dove praticamente la metà dei dipendenti ha accesso a dati che non sono necessari per il ruolo che svolgono. Si tratta di un problema non solo in ottica GDPR, ma anche per la conservazione del patrimonio di conoscenza dell’azienda stessa. E non sarebbe una sorpresa scoprire che negli Enti pubblici il problema è altrettanto presente.

Troppi dati nella disponibilità dei dipendenti

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *