Blockchain e GDPR: la posizione dell’Europa

Dopo tante discussioni a livello dottrinale ed alcuni interventi di qualche Autorità Garante, l’Europa presenta uno studio organico e condiviso riguardo l’applicabilità della tecnologia blockchain alla luce del GDPR. Le principali problematiche di compatibilità di un data base distribuito con il Regolamento UE si individuano nella difficoltà di individuare un titolare, nonchè nell’immutabilità degli anelli, caratteristica che contrasta con la necessità di stabilire una durata di conservazione dei dati, nonché con un diritto alla cancellazione e correzione degli stessi. D’altra parte, per quanto forse un po’ sopravvalutata, la tecnologia blockchain presenta alcune potenzialità interessanti e non avrebbe senso rinunciare ai vantaggi.

Blockchain e GDPR, un primo studio europeo

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *