Un microfono in casa può essere pericoloso

Se anni fa qualcuno mi avesse detto che le gente avrebbe pagato per mettersi un microfono in casa che ascolta tutto ciò che facciamo, da quando andiamo in bagno a quando facciamo sesso, da quando mangiamo a quando discutiamo col padrone di casa o col vicino lo avrei preso per matto. Eppure è ciò che sta avvenendo con gli assistenti vocali: anche facendo finta di credere che non memorizzino e non utilizzano ciò che ascoltano al di fuori del comando, è tecnicamente impossibile che riconoscano il comando senza ascoltare e valutare tutti i suoni nel raggio di portata del microfono. Se poi ciò avviene in presenza di bambini la cosa diviene ancora più preoccupante, eppure un assistente vocale è stato messo in commercio, acquistato con grande soddisfazione, salvo stupirsi del fatto che ascoltasse, senza il consenso dei genitori.

Assisenti vocali e privacy dei minori

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *