Basta un font per violare la privacy

Al di là del significato politico del reddito di cittadinanza, l’idea di poter fare tutto on line è sicuramente un approccio efficiente e moderno di fornire un servizio alla cittadinanza. Però attenzione a come lo si costruisce, a quali font si adoperano, a che può accedere ai dati. In modo probabilmente inconsapevole, il sito dedicato al reddito di cittadinanza sembra aver prestato più attenzione alla grafica che alla condivisione dei dati.

Google accede ai dati di chi chiede il reddito di cittadinanza?

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *