Un capitalismo basato sulla sorveglianza

Interessante testo, che affronta non solo gli ormai noti (almeno per chi mastica di privacy) problemi di gestione dei dati e di profilazione, ma che allarga l’orizzonte, analizzando come tutta la società, con le sue interconnessioni economiche, sia ormai basta sulla sorveglianza, sull’osservazione costante dei comportamenti, aprendo la strada ad controllo costante dei singoli e delle masse. Con conseguenze che vanno molto al di là della “banale” spinta all’acquisto.

The age of surveillance capitalism

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *