Anche i backup devono rispettare il GDPR

Sembra un lavoro inutile, ma quando ti perdi  un file, per non dire un intero hard disk, capisci tutta l’importanza di un backup sicuro e aggiornato. Quanti studenti si sono disperati per aver perso l’unica copia della tesi (peraltro chi è così imprudente merita di non laurearsi!) o quante ditte sono entrate in crisi per essersi persi anni di know how. Però si fa presto a fare un backup, ma anche questa procedura rientra nel GDPR: da un lato deve esserci, perché le norme prevedono la disponibilità del dato, ma non deve essere accessibile ad estranei, né deve essere fisicamente collocato in Paesi che non rispettano i principi del GDPR.

Si fa presto a dire backup

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *