Le newsletter dopo il GDPR

Al mattino apriamo la posta elettronica e cominciamo a far pulizia dello spam, ma anche di alcune newsletter che non ci interessano. In alcuni casi siamo stati noi stessi ad iscriverci, per l’interesse del momento o perché ci aspettavamo qualcosa di diverso, ed in molti casi cancellare l’iscrizione non è complesso, ma siamo noi a non attivarci. In altri casi però, l’invio della newsletter avviene senza (o contro, se abbiamo espressamente negato sul modulo di consenso) la nostra approvazione ed è praticamente impossibile eliminare l’iscrizione, a meno di non ricorrere al Garante o adire a vie legali. Questo pezzo affronta la tematica della newsletter, per essere in grado di fornire un servizio, lecito e apprezzato, in modo conforme.

GDPR e newsletter

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *