Il Garante precisa i termini degli “affari pregressi”

In un continuo rimando di articoli e disposizioni, che rende piuttosto labirintico il percorso mentale necessario a comprendere i termini della questione, il Garante ha adempiuto alle prescrizioni dell’art. 19 c. 3 del Decreto di adeguamento, precisando con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che gli “affari pregressi” sono da intendersi quei reclami e richieste pervenute al Garante prima del 24 maggio 2018, poichè a partire dal giorno seguente è entrato in vigore il GDPR.

Il Garante in Gazzetta Ufficiale

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *