E se i nostri dati fossero una moneta?

Interessante approccio, nato da un articolo di Economist e ripreso in un articolo Linkedin. I nostri dati hanno un valore! Lo prevede il GDPR ed appare palese dal fatto che le imprese che al mondo vantano i maggiori introiti sono quelle che, almeno in apparenza, non fanno pagare nulla per i loro servizi, impostando il modello di business sulla compravendita di dati personali. E se allora li monetizzassimo? Se i nostri dati diventassero una moneta virtuale? Da un lato, si potrebbe quantificare il valore economico di un post su FB o di una ricerca su Google. Dall’altro, però, si rischierebbe l’esilio digitale di quanti, per scarsità di interessi personali, limitata disponibilità di denaro, o collocazione in zone non raggiungibili dai corrieri e poco connesse.

Commento su Linkedin

Articolo originale

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *