Se è il dipendente ad abusare dei dati

Il GDPR nasce con l’intento di proteggere i dati personali da un uso improprio da parte delle imprese, che hanno sempre fame di informazioni e di profilazioni. Ma se è il dipendente a violare i dati personali? Se è un dipendente a divulgare notizie o fare un uso improprio dei dati?

Non si può dare una riposta univoca: a volte è un uso lecito, a volte può essere sanzionato, anche col licenziamento.

Vengono qui riportate alcune casistiche esaminate dalla Corte di Cassazione.

Quando è il dipendente a fare un uso improprio dei dati

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *