Per la Cassazione il redditometro non viola la privacy

Mentre la Corte di primo grado aveva dato ragione ai ricorrenti, ordinando all’Agenzia delle Entrate di astenersi da attività di registrazione ed elaborazione dei dati.

Secondo la Corte di Cassazione non vi è invece violazione della privacy, stante il fatto che è previsto da una norma di legge, che l’Agenzia è tenuta al segreto d’ufficio e che la raccolta è finalizzata al perseguimento di un interesse pubblico.

 Il redditometro non viola la privacy

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *