DPO non è un mestiere

Un po’ giurista, un po’ informatico, un po’ manager… un po’ missionario.

Fare il DPO è una vocazione, è ricoprire un ruolo fondamentale ma non centrale, di ausili, non di sostituzione.

Un po’ come il maggiordomo di una villa nobiliare, che sovrintende, accompagna, dirige ma con discrezione, senza mai sostituirsi al padrone di casa.

Alcune riflessioni sul ruolo del DPO le troviamo in questo articolo, volto anche ad evitare fraintendimenti.

Il DPO non è un mestiere

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *