Dati storici e GDPR

Mentre i dati personali sono garantiti da molte tutele, i dati storici possono essere usati più liberamente. Però quand’è che un dato da personale diventa storico? Quale impatto potrà avere il GDPR sui dati storici?

Basati sulla normativa precedete, vi erano stati alcuni chiarimenti sia del Garante sia del Ministero dei Beni Culturali, che avevano fissato in 40 e 70 anni, a seconda della tipologia, il limite oltre il i dati divenivano accessibili in quanto di valore storico. A parte il fatto che si tratta di un limite abbastanza risibile (l’atto di nascita di un adottato, ad esempio, è tenuto molto riservato e si può divulgare solo col permesso di un giudici, ma far scadere questo divieto dopo 70 anni fa sì che l’interessato ed i genitori possano essere ancora in vita), il punto centrale, col GDPR, è che i dati non più necessari non dovrebbero essere conservati. Si tratterà comunque di capire cosa conservare e cosa no, soprattutto occorrerà distinguere fra dati pubblici e privati.

GDPR e dati storici

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *