La pseudonimizzazione

Tra i nuovi termini del GDPR ai quali dobbiamo abituarci c’è quello della pseudonimizzazione. Di cosa si tratta? In sintesi, non è detto che tutti i trattamenti richiedano dati nominativi, ma neppure si può anonimizzare completamente il dato. Immaginiamo, ad esempio, uno screening medico finalizzato ad eseguire esami più approfonditi su situazioni sospette. Magari si devono convocare tre persone su mille, e non è quindi necessario conoscere le identità di tutti, ma occorre recuperare i dati dei tre che devono sottoporsi agli approfondimenti. E’ questo il senso della pseudonimizzazione, i cui contorni vengono esplorati in questo articolo.

GDPR e pseudonimizzazione

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *