Risolto il baco di Tinder che metteva a rischio la privacy

Per accedere ad un servizio si usano solitamente mail e password. La mail è nota ad amici e conoscenti, resta la password, troppo spesso ovvia o memorizzata su un dispositivo che è andato perso.

Però Tinder aveva una falla: per accedere all’account altrui era sufficiente il numero di telefono. Una procedura non proprio immediata, ma neppure riservata a pochi eletti. Risolta a tempo di record e premiati gli scopritori.

Tinder ha risolto il bug

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *