Figlio dato in adozione: diritto a conoscere la madre biologica

La madre biologica deve poter contare sull’anonimato, quando si presenta in ospedale per ricevere assistenza pur senza l’intenzione o la possibilità di prendersi cura del figlio.

Ci sono però casi in cui questo principio può essere derogato, ed un caso per il quale la protezione viene a cadere è la morte della stessa, dato che i defunti hanno una forma di tutela della privacy affievolita.

Questo il senso della sentenza della Suprema corte n. 3004/18, che ha autorizzato l’accesso ai dati di una madre ormai deceduta.

Figlio adottato, madre deceduta

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *