Schema trattamenti e conseguenze

 

Ringraziando l’avv. Pietro Calorio per aver voluto condividere questo minuzioso lavoro, si può ricavare da questa visualizzazione grafica, di grande impatto, la complessità che si affronta nell’approcciare la gestione del GDPR.

Risulta inoltre abbastanza evidente che, per come è formulata la norma (anche se forse il modo in cui è stata scritta non rispecchia totalmente lo scopo per cui è stata concepita), che la possibilità di non istituire il Registro del Trattamento resta un caso piuttosto residuale, per non dire ipotetico.

Post linkedin

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *