Registro del trattamento: si può davvero escludere?

Il Regolamento prevede che, al di sotto dei 250 dipendenti, le Aziende e gli Enti pubblici non siano tenuti a produrre un registro del trattamento. Fatte salve alcune condizioni, che lo rendono nuovamente obbligatorio, ad esempio si trattano dati sensibili (secondo la terminologia cui siamo abituati) riferiti all’art. 9 e 10 del GDPR.

In questo articolo, giustamente, ci si chiede se esiste davvero un’organizzazione che non tratta dati di questo tipo: un solo dipendente può essere iscritto ad un sindacato, per cui la busta paga rivela le sue tendenze politiche; un fornitore può inviare una mail dove disdice un appuntamento perché ha l’influenza (stato di salute) e così via.

La norma probabilmente intendeva evitare di imporre un onere alle piccole imprese che non trattino abitualmente dati a rischio, ma è scritta in modo tale da rendere praticamente inevitabile l’istituzione di detto registro.

https://www.linkedin.com/pulse/lesclusione-dallobbligo-di-tenuta-del-registro-dei-per-cuniberti/

Print

Share

Un pensiero riguardo “Registro del trattamento: si può davvero escludere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *