La valutazione d’impatto: gli obblighi delle startup

Una piccola azienda, soprattutto se appena nata, deve focalizzarsi sul proprio core business, e di solito non ha né il tempo né le risorse per tutti quegli adempimenti accessori, pur necessari. Anche per questo in molti Paesi è stato sviluppato il modello di parchi tecnologici, dove molte risorse sono condivise e vi sono quindi dipartimenti in grado di aiutare nella gestione del personale, della proprietà intellettuale e così via.

In questo caso è il WP29 a fornire delle linee guida, raccomandando alle start-up che abbiano iniziato il trattamento dei dati prima del 25 maggio, anche se non è strettamente obbligatorio, ad effettuare una verifica dei punti essenziali.

Valutazione d’impatto e start-up

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *