Usi automatizzati dei dati: nuove tutele

La marea di dati che viene continuamente raccolta attraverso le fonti più diverse non può certo esere gestita ed analizzata manualmente, quindi ci si deve affidare a sistemi automatici che accorpano, comparano, analizzano la grande mole di big data disponibili.

Indispenzabile, ma anche potenzialmente pericoloso, dato che un calcolatore agisce secondo algoritmi e non secondo intelligenza. Per questo un’importante posizione è stata adottata lo scorso 3 ottobre dai Garanti privacy Ue, ora sottoposta ad una consultazione pubblica in attesa dell’approvazione definitiva (WP29 n. 251). Contiene le “Guidelines on Automated individual decision-making and Profiling for the purposes of Regulation 2016/679” e riguarda l’interpretazione e l’applicazione dell’art. 22 del GDPR che disciplina il processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.

Analisi automatica dei dati

Print
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *