Redditi on-line dei dirigenti della PA: equilibrio fra privacy e trasparenza al vaglio della Corte Costituzionale

Il TAR del Lazio si è dovuto pronunciare sulla questione della pubblicazione on-line dei redditi dei dirigenti pubblici, obbligatoria per legge e sanzionata in caso di omissione, che appare, per contro, un’eccessiva ingerenza nella vita privata degli stessi e dei loro familiari, nonchè eccessiva rispetto ai principi di proporzionalità, pertinenza, non eccedenza.

I ricorrenti contestano la violazione di alcuni principi costituzionali e di norme europee, per cui chiedono che venga vietata la divulgazione dei redditi percepiti.

Il TAR, se da un lato esclude responsabilità da parte dell’amministrazione, che si è attenuta alla legge, dall’altro non esclude che essa possa violare alcuni principi fondamentali. Ritenuta quindi “non manifestamente infondate” le ragioni dei ricorrenti, rimette la questione all’esame della Corte Costituzionale.

Inutile dire che sarà molto interessante seguire gli sviluppi, dato che i rapporti fra privacy e trasparenza sono difficili ed essenziali e la pronuncia potrà senz’altro stabilire dei principi che andranno al di là del caso di specie.

http://www.altalex.com/documents/news/2017/09/25/pubblicazione-redditi-dirigenti-pa

N. 00564_2017 REG.RIC.

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *