Legge di delegazione per il GDPR

Le imprese e le PA più attente sono da mesi concentrate sull’adeguamento al nuovo GDPR, mentre quanti ancora non hanno iniziato a studiare la nuova normativa potranno avere delle brutte sorprese, dato che i tempi per essere in regola cominciano ad essere stringenti.

Pochi, però, si sono resi conto che ad essere forse un po’ in ritardo è anche la stessa Europa, che solo ad ottobre ha approvato la legge di delegazione, che chiama i singoli Stati ad emanare norme di dettaglio, consentendo l’eventuale rimando ai Garanti dei vari Stati per l’emanazione di norme specifiche.

Tenuto conto che la scadenza per adeguarsi è il 25 maggio 2018, sapee che alcune norme devono ancora essere definite non mette certo di buon umore i DPO nè i soggetti più diligenti, che si trovano ad implementare un Regolamento senza conoscerne tutti i contorni.

Per fortuna, tutta l’Europa è nella stessa situazione, per cui nella fase iniziale sarà lecito aspettarsi un minimo di tolleranza, soprattutto riguardo le regole che ad oggi ancora non esistono.

Delegazione per il GDPR

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *