Attenti a ciò che si dice (anche in chat)

Un sentenza desitinata a far discutere è quella emanata dalla Corte di Cassazione a proposito dell’utilizzo delle chat: secondo la suprema Corte, anche se i dati sono conservati all’ester, il contenuto delle chat può essere acquisito banalmente con copia-incolla, senza passare per la procedura prevista dall’art 254bis del codice di procedura penale.

In pratica se gli inquirenti riescono ad accedere alla chat, possono semplicemente copiare i dati ed incollarli in qualche word-processor, senza particolari cautele riguardo l’inalterabilità e genuinità dei dati, stante il fatto che si presuppone che il codice binario resti inalterato nella sostanza.

Acquisizione chat come prova

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.