Big data: per la privacy facciamo abbastanza?

Tanti dati, tante opportunità, ma anche tanti rischi per la privacy. Il Garante per le comunicazione ed il Garnte privacy hanno allora avviato un’indagine per capire come i big data vengono effettivamente utilizzati e quale impatto abbiano sulla privacy delle persone.

Ciò che è emerso è che vi siano grandi benefici potenziali che possono derivare da un corretto data mining, sia per i singoli che per la società nel suo insieme. Tuttavia l’utilizzo troppo disinvolto e poco orientato alla riservatezza che vediamo oggi porta anche ad abusi e violazioni della privacy individuale. In particolare, molti Enti pubblici hanno affidato i propri dati alle major del WEB, spesso senza rendersi conto delle implicazioni legali della scelta, mentre un uso consapevole del cloud e la realizzazione di servizi istituzionali, sotto il controllo della PA, potrebbe consentire grandi benefici minimizzando i rischi.

https://www.agendadigitale.eu/sicurezza/big-data-facciamo-troppo-poco-per-difendere-i-cittadini/

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *