Un abuso del suono per violare la privacy?

In questo articolo si evidenziano alcune problematiche, almeno potenziali, legate all’uso ed abuso di alcuni sistemi in alta frequenza inseriti in molti oggetti che popolano e popoleranno Internet delle Cose.

L’analisi del suono, soprattutto in alta frequenza, quindi inavvertibile dagli esseri umani, permette di tracciare il componente, ma anche di effettuare altre analisi, nonchè di inoculare trojans ed altri malaware attraverso le vulnerabilità dei software di controllo.

Tracking ultrasonico

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *