Gli USA rinunciano alla privacy on-line

Neppure gli americani si possono lamentare: l’aveva promesso in campagna elettorale e lo sta facendo, ovvero il Presidente Trump sta mettendo in atto tutte quelle disposizioni che, secondo lui, favoriscono l’industria ed il lavoro, pazienza se altri diritti vengono messi in secondo piano. Uno di questi è il diritto alla privacy on-line: gli ISP potranno vendere i dati di navigazione senza il consenso dell’utente, a fini commerciali. Vedremo se il commercio e l’industria ne avranno o meno un beneficio; sicuramente potrà esserci un’impennata delle reti TOR. Piuttosto negatico il parere del nostro Garante.

USA e privacy on-line

Il parere del Garante

Print

Share

Un pensiero riguardo “Gli USA rinunciano alla privacy on-line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *