Avvocati: la riservatezza prevale sul diritto d’accesso

Il diritto di chiunque accedere ai dati e documenti detenuti dalla pubblica amministrazione, incontra un limite forte ed “insormontabile” nella tutela di interessi giuridicamente rilevanti.

Questa la massima ricavabile dal parere del Garante a proposito di una richiesta di accesso presentata al Consiglio dell’ordine relativamente ad un avvocato sottoposto a procedimento disciplinare. La richiesta è stata ritenuta inammissibile, in quanto la riservatezza del legale deve essere considerata meritevole di maggior tutela rispetto al diritto d’accesso.

Articolo di commento

Parere del Garante

Print

Share

Un pensiero riguardo “Avvocati: la riservatezza prevale sul diritto d’accesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *