Possibile trasferire i dati in USA

Il Garante si è espresso in senso positivo riguardo al trasferimento dei dati in USA. Negli Stati Uniti, infatti, il cosiddetto Patriot Act, emanato dopo l’11 settembre, aveva consentito un massiccio accesso delle autorità federali ai dati posseduti dalle multinazionali. Se l’intento di combattere il terrorismo è lodevole, l’approccio è sempre stato ritenuto in ambito europeo troppo invasivo nei confronti delle libertà personali. Ora con il Privacy Shield, lo scudo privacy – inizialmente ritenuto invalido dalla Corte Europea – le aziende USA che aderiscono o aderiranno potranno ricevere i dati dei cittadini europei, trattando i principi di riservatezza previsti.

http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/5677957#1

Print

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *